Spalla

Spalla Congelata (Capsulite Adesiva Spalla)

La Capsulite Adesiva della spalla, più comunemente detta Sindrome della "Spalla Congelata", è una condizione estremamente disabilitante caratterizzata da dolore e rigidità ad andamento ciclico in pazienti di mezza età che frequentemente non presentano una storia di reumatismo o logoramento da utilizzo ripetitivo dell'arto.

Le possibili cause

Sconosciute ma si ipotizza sia dovuta ad una combinazione di fattori poichè si riscontra frequentemente in associazione con patologie quali diabete, cardiopatie, dislipidemie, epilessie, trauma, ipotiroidismo e tossicodipendenze. Ciò che si verifica è un ispessimento della capsula articolare a seguito di sinovite con conseguente limitazione meccanica dei movimenti.

 

Sintomi e diagnosi

I sintomi classici comprendo: una globale restrizione dei movimenti della spalla, l'impossibilità di indentificare una causa, dolore alla presentazione, esami radiologici normali, limitazioni nella rotazione esterna e nella elevazione del braccio.

La diagnosi di Spalla Congelata Idiopatica si basa sull'età che tipicamente è tra i 40 e i 50 anni, sulla prevalenza per il sesso maschile, e sulle caratteristiche di dolore e limitazione funzionale. Nello specifico il dolore è severo, costante e presente anche durante la notte, mentre la limitazione di movimento interessa prevalentemente la rotazione esterna del braccio.

 

Evoluzione

Si riscontrano tre fasi sequenziali:

La prima è definita Freezin phase in cui il dolore aumenta gradualmente così come la perdita di mobilità e dura circa 3 mesi.

La seconda è definita Frozen phase caratterizzata da massimo dolore e rigidità. Dura dai 3 ai 9 mesi.

La terza è definita Thawing phase ed è caratterizzata da un graduale ripristino delle capacità articolari della spalla e dalla scomparsa di dolore. Dura dai 9 ai 18 mesi.

Queste tre fasi si ripetono ciclicamente con un periodo di 2 anni.

 

Terapia

Anche se frequentemente l'andamento ciclico della Spalla Congelata non comporta una risoluzione completa della sintomatolgia, tuttavia le limitazioni funzionali residue frequentemente non sono tali da necessitare un trattamento.

 

Trattamento conservativo: iniezioni steroidee, fisioterapia, manipolazioni in anestesia

In caso di necessità, valutando il singolo, caso sarà possibile scegliere il trattamento più adeguato tra: fisioterapia, infiltrazioni distensive, infiltrazioni steroidee, manipolazioni in anestesia. 

 

Trattamento chirurgico: Rilascio capsulare artroscopico

E' il trattamento elettivo in caso di Spalla congelata che si ripete nel tempo, che non risponde ad altre terapie e che provoca dolore e limitazioni funzionali tali da non essere compatibili con una buona qualità di vita. Questa operazione si effettua in anestesia generale e prevede dei piccoli tagli per l'inserimento di una microcamera e degli strumenti chirurgici per permettere la rimozione di tessuto capsulare sovrabbondante e consentire così i normali movimenti articolari.

Con il protocollo riabilitativo adeguato è possibile riprendere le attività quotidiane in 7 giorni e avere un pieno recupero in 6-9 mesi.

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
©SportsDoc.it 2014